Pink Floyd 6

Pink Floyd 8

I Pink Floyd ritirano la loro musica dalle piattaforme digitali di Russia e Bielorussia. Una decisione per “condannare l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia”, afferma la band su Twitter.

Dalle piattaforme russe verranno eliminati tutti gli album dal 1987 in poi e gli album di David Gilmour da solista. La musica precedente è ancora oggetto della controversia infinita che vede gli ex colleghi Gilmour e Roger Waters.

Roger Watwers aveva già preso posizione contro l’aggressione russa: “Sono disgustato dall’invasione dell’Ucraina da parte di Putin. Per me è un errore criminale, l’atto di un gangster. Ci deve essere un cessate il fuoco immediato. Mi rammarico che i governi occidentali stiano alimentando il fuoco che distruggerà il vostro bellissimo Paese riversando armi in Ucraina invece di impegnarsi nella diplomazia che sarà necessaria per fermare il massacro”.

I russi vogliono liberare il Donbass. Poi cosa può succedere?
Giornalista francese ucciso a Severodonesk
Il ‘pellegrinaggio’ di Salvini e quel mondo contrario di Ezio Mauro
Anche David Gilmour aveva espresso il suo pensiero su Twitter: “Soldati russi, smettetela di uccidere i vostri fratelli – ha scritto in un tweet – Non ci saranno vincitori in questa guerra. Mia nuora è ucraina e le mie nipoti vogliono visitare e conoscere il loro bellissimo paese. Smettetela prima che sia tutto distrutto. Putin se ne deve andare”.